RomaNordToday

Arsenico nell'acqua: Campidoglio rinnova il divieto per 'Casaccia-Santa Brigida' e 'Brandosa'

Un caso esploso a fine febbraio e che per settimane è stato oggetto di pesanti polemiche. Oggi, a distanza di 10 mesi, l'ordinanza che vietava l'uso dell'acqua in alcuni acquedotto di Roma Nord, viene parzialmente ritirata. Il documento sarebbe scaduto il 31 dicembre. Il sindaco oggi l'ha rinnovata.

L'ordinanza, lo ricordiamo, vietava l’utilizzo per il consumo umano degli acquedotti  Arsial, “Camuccini”, “Casaccia – Santa Brigida”, “Brandosa e Malborghetto.

Il  Campidoglio fa sapere oggi che "con la nuova ordinanza del 19 dicembre si rende noto che il divieto di utilizzo dell’acqua ad uso umano solo ed esclusivamente dell’acquedotto “Camuccini” è revocato. E’ stato invece prorogato il divieto di utilizzo, anche per le attività produttive e fino al 31 marzo 2015, per gli acquedotti di “Casaccia – Santa Brigida” e “Brandosa”. Per quanto riguarda infine l’acquedotto “Malborghetto” il divieto di utilizzo resterà in vigore almeno fino al 31 dicembre 2015.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in via Cassia, auto contro un pilone: due morti

  • In bilico sul balcone si lascia cadere nel vuoto, salvata dalla polizia fra gli applausi dei residenti

  • Incidente a Colli Albani, autocarro investe e uccide 42enne in via Menghini

  • Sciopero, oggi a rischio bus Cotral e Roma Tpl: gli orari e le linee interessate

  • Meteo Roma, peggiorano le previsioni: l'allerta diventa "codice arancione"

  • Mercatini di Natale a Roma: tutti quelli da non perdere

Torna su
RomaToday è in caricamento