RomaNordToday

Arsenico nell'acqua: Campidoglio rinnova il divieto per 'Casaccia-Santa Brigida' e 'Brandosa'

Un caso esploso a fine febbraio e che per settimane è stato oggetto di pesanti polemiche. Oggi, a distanza di 10 mesi, l'ordinanza che vietava l'uso dell'acqua in alcuni acquedotto di Roma Nord, viene parzialmente ritirata. Il documento sarebbe scaduto il 31 dicembre. Il sindaco oggi l'ha rinnovata.

L'ordinanza, lo ricordiamo, vietava l’utilizzo per il consumo umano degli acquedotti  Arsial, “Camuccini”, “Casaccia – Santa Brigida”, “Brandosa e Malborghetto.

Il  Campidoglio fa sapere oggi che "con la nuova ordinanza del 19 dicembre si rende noto che il divieto di utilizzo dell’acqua ad uso umano solo ed esclusivamente dell’acquedotto “Camuccini” è revocato. E’ stato invece prorogato il divieto di utilizzo, anche per le attività produttive e fino al 31 marzo 2015, per gli acquedotti di “Casaccia – Santa Brigida” e “Brandosa”. Per quanto riguarda infine l’acquedotto “Malborghetto” il divieto di utilizzo resterà in vigore almeno fino al 31 dicembre 2015.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 19 e domenica 20 ottobre

  • Incidente sul Raccordo: auto ribaltata allo svincolo Centrale del Latte, Irene cerca testimoni

  • Scomparso da Civitavecchia, il 14enne era a Bologna: così è stato ritrovato Alessandro

  • Insegue scooterista e lo travolge con l'auto, poi le minacce: "Se non ti ho ammazzato oggi lo farò domani"

  • Il concorso per lavorare in Senato: ecco come candidarsi

  • Sciopero Roma 25 ottobre 2019: metro, bus e Cotral a rischio. Orari e informazioni

Torna su
RomaToday è in caricamento