RomaNordToday

Rinascono due eccellenze della Cassia: all'ex cinema Ciak arriva lo Stabile del Giallo

La storica compagnia teatrale stroncata dalla delibera 140 sul nuovo palco del vecchio cinema diventato teatro

L'arte e la cultura si riprendono via Cassia, rinascono in sinergia due eccellenze di Roma Nord da oltre un anno perdute: l'ex cinema Ciak, trasformato in teatro, ospiterà lo Stabile del Giallo

La delibera 140 e il sipario sullo Stabile del Giallo

La storica compagnia teatrale, sulla quale la delibera 140 aveva fatto calare il sipario nel gennaio 2017, porterà i propri spettacoli sul neonato palcoscenico di via Cassia 692: quello dello storico cinema Ciak che, sottoposto a lavori di ristrutturazione, rinascerà teatro. 

Lo Stabile del Giallo, come annunciato dal direttore Raffaele Castria all'agenzia DIRE, ha già stipulato un contratto con la società che sta ristrutturando il Ciak e li metterà in scena la stagione 2018-19 con il primo evento previsto, salvo ulteriori slittamenti, tra aprile e maggio. 

La Cassia saluta il Ciak: al posto dello storico cinema sorgerà un teatro

Stabile del Giallo: "800mila euro in 30 giorni" per rimanere aperto

Lo Stabile del Giallo era stato costretto a chiudere i battenti quando, circa un anno fa, Roma Capitale aveva intimato il pagamento di 813.488,68 euro entro 30 giorni per l'applicazione della delibera 140 sul riordino degli immobili e delle proprietà del Comune: un provvedimento che colpì in totale 860 realtà - tra associazioni culturali, sociali, centri diurni per bambini disabili, per anziani o per malati di mente - che fino a poco prima avevano goduto del diritto ad un canone calmierato. 

Lo Stabile del Giallo aveva contestato la decisione del Comune ricordando di aver ottenuto l'assegnazione dei locali in via al Sesto Miglio con un'ordinanza del sindaco Veltroni nel 2002, previo obbligo di ristrutturazione e messa a norma della struttura: cosa accaduta nel 2004 quando avvenne l'effettiva consegna dei locali. 

ll dialogo fallito con il Campidoglio

"Un'interlocuzione con il Campidoglio - ha ricordato il regista, attore e direttore dello Stabile, Castria - c'e' stata in questi mesi ma non siamo riusciti a risolvere nulla. Non abbiamo ricevuto risposte certe e di fatto per la vicenda legata alla vecchia sede siamo ancora appesi". 

Lo Stabile del Giallo al Ciak

E, scaduto il precedente contratto, lo Stabile del Giallo non ha neanche più il permesso a pubblico spettacolo per quella sede. "Quindi - ha fatto sapere Castria - se le cose non cambiano resteremo al Ciak avendo firmato anche un contratto a lunga scadenza". 

L'ex cinema Ciak diventa teatro

Dunque lo Stabile del Giallo rivivrà negli spazi dell'ex cinema ora Teatro Ciak: un'altra eccellenza che la Cassia aveva salutato, salvo piccole riaperture a intermittenza, nel 2015. 

Al posto delle due piccole sale dello storico e amato "cinema sotto casa", una grande da 400 posti: è intorno a quella platea e al suo palcoscenico che nel cuore di Roma Nord risorgono cultura e teatro. 
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Qualità della vita, Roma peggiora: la Capitale perde diciotto posizioni

  • Incidenti stradali

    Due investimenti mortali nel week end: continua la strage di pedoni a Roma

  • Cronaca

    Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Politica

    Raggi e la manovra 'Sblocca Roma': come il Campidoglio spenderà 1 miliardo e 120 milioni

I più letti della settimana

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco traffico Roma, domenica primo stop. Niente auto nella fascia verde: fermi anche i Diesel euro 6

  • Blocco auto Roma: chi può circolare domenica 18 novembre

  • Referendum Atac, i risultati: quorum non raggiunto. Netta l'affermazione del sì

  • A terra e sanguinante in commissariato: il giallo di Massimiliano il "Brasiliano"

  • Maratona, manifestazioni e domenica ecologica: le strade chiuse ed i bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento