RomaNordToday

Via Due Ponti: il trans Brenda trovata morta carbonizzata

Era uno dei transessuali coinvolti nel caso Marrazzo. A trovarla i vigili del fuoco, intervenuti alle 4.33 per un incendio nelle cantine del palazzo. Qualche giorno fa era stata aggredita e rapinata nel corso di una rissa

Il transessuale Brenda, coinvolto nell'affaire Marrazzo, è stato trovato morto nel suo appartamento, ricavato in un seminterrato di via due Ponti a Roma. Gli agenti della scientifica hanno trovato il suo corpo carbonizzato sul soppalco. Brenda era seminuda e non presentava segni di violenza. A quanto trapela Brenda sarebbe morta per intossicazione da fumo.

Al suo fianco una bottiglia di whysky. Tra le ipotesi il suicidio, anche se la situazione viene definita dagli inquirenti ancora poco chiara
. Alcuni testimoni infatti parlano di un grande trambusto che nella notte proveniva dall'appartamento di Brenda. In casa sono state trovate delle valigie, segnale che forse era stato pianificato un viaggio o una fuga.

A far partlare di suicidio ci sono le testimonianze delle colleghe di Brenda che hanno parlato di una persona disperata, stanca della vita e che più volte, nei giorni scorsi, aveva avanzato l'ipotesi di farla finita. Un transessuale amico di Brenda, Barbara, però attacca: "L'hanno ammazzata, non so chi. Stava male psicologicamente, voleva tornare in Brasile: ora devono trovare chi ha fatto tutto questo". Barbara ha anche aggiunto: "Ieri  ci siamo incontrati in un parcheggio, abbiamo bevuto una cosa, poi lo abbiamo lasciato in casa a vedere la televisione".

I primi ad intervenire sono stati i vigili del fuoco, giunti in via Due Ponti alle 4 e 33. L'intervento era stato richiesto per un incendio sviluppatosi nelle cantine del palazzo.

Il 9 novembre scorso, in via Biroli, nei pressi di via Due Ponti, Brenda era rimasta coinvolta in una rissa che l'aveva costretta alle cure dell'ospedale, da dove fu dimessa con 5 giorni di prognosi. In quell'occasione le fu rubato anche il cellulare.

Brenda era stata sentita dalla Procura di Roma per la vicenda Marrazzo, anche se in più occasioni aveva ripetuto di non aver avuto rapporti con il Governatore. Da una sua seconda audizione erano attesi chiarimenti sull'esistenza di un secondo video in cui apparirebbe l'ex Governatore del Lazio e del quale hanno fatto cenno alcuni transessuali.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Incidenti stradali a Roma, giovedì di sangue: tre morti e una bimba di 10 anni in gravi condizioni

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

Torna su
RomaToday è in caricamento