RomaNordToday

Ottanta treni soppressi in quattro giorni: l'ecatombe della Ferrovia Roma Nord

Il report stilato dal Comitato dei Pendolari, "spariti" 79 treni in meno di una settimana: "Chiediamo servizio degno e rispetto diritti dei viaggiatori"

Dicembre nasce sotto una cattiva stella per i pendolari della Ferrovia Roma Nord: in quattro giorni sono circa 80 i treni soppressi sulla linea. 

Ferrovia Roma Nord: 80 treni soppressi in quattro giorni

Convogli urbani ed extraurbani mai passati sui binari che collegano Roma, Civitacastellana e Viterbo.

Sulla tratta urbana un vero e proprio stillicidio: da lunedì 2 dicembre a giovedì 5 ben 67 le corse soppresse, 12 quelle sull'extraurbana. Un totale di 79 treni "spariti"

A dare la fotografia di un servizio sempre più carente e problematico il Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord. Tanto dettagliato quanto tragico il report inoltrato a Regione Lazio, proprietaria della linea, e Atac che la gestisce. Almeno fino al 2021 quando all'azienda dei trasporti di Roma subentrerà Cotral

Sulla Ferrovia Roma Nord è "un servizio pubblico indegno e profumatamente pagato dalla Regione Lazio ad Atac con circa 90 milioni di euro. Un vero scandalo sul quale nessuna procura, più volte sollecitata da questo comitato, indaga. L'ennesima vergogna italiana - sottolineano i pendolari - sulle spalle del pendolare e del contribuente". 

"Quella degli ultimi giorni è una ecatombe di cui qualcuno in Regione Lazio e in ATAC deve essere responsabile" - tuonano. 

I pendolari protestano in Regione: "Rispettate viaggiatori"

Chiedono rispetto dei diritti dei viaggiatori e un servizio degno gli utenti della Roma Nord. Per questo mercoledì 11 dicembre, alle ore 11, insieme ai pendolari della Roma Lido, saranno negli uffici e sotto la sede della Regione Lazio: "Chiederemo a gran voce il rispetto dei diritti di chi viaggia con le nostre ferrovie". 

Roma Nord e Roma Lido: investimenti per 800 milioni di euro

E sulle ex concesse la Pisana ha annunciato investimenti per 800 milioni e cambi di gestione.

La Regione a breve farà partire i cantieri Roma Nord e Roma Lido. Gli 800 milioni saranno così investiti: 315 milioni andranno per nuovi convogli per entrambe le linee, 144 per l'ammodernamento e il potenziamento della Roma-Lido e 337 per la Roma-Viterbo.

I primi 500 milioni si attiveranno entro il primo semestrale del 2020 e tutti gli interventi saranno conclusi per la fine del 2022. 

Ferrovia Roma Nord, in arrivo 337milioni: come saranno spesi

Sulla Roma Nord previsti il raddoppio della tratta Riano-Morlupo per la quale entro fine anno verranno stipulati i contratti con le imprese vincitrici dell'appalto basato su 154 milioni di euro. Saranno poi investiti per la predisposizione del raddoppio della tratta Montebello-Riano (50 milioni), per la manutenzione straordinaria del materiale rotabile esistente, per il potenziamento del deposito dell'Acqua Acetosa, per lavori tecnologici di potenziamento della linea elettrica (67 milioni) oltre che per il raddoppio della stazione di Piazzale Flaminio.

Come per la Roma-Lido anche per la Roma-Viterbo sono in arrivo nuovi treni, in totale 18: per i primi 6 il 28 febbraio scadrà il bando. I successivi 12 rientreranno in una seconda gara che partirà subito dopo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco traffico: a Roma oggi niente auto nella fascia verde, tutte le informazioni

  • Blocco auto: chi può circolare a Roma domani 19 gennaio

  • Bollo auto, sconti e nuova modalità di pagamento: cosa cambia nel 2020

  • Le mani della 'Ndrangheta su San Basilio: spaccio modello Scampia da 15.000 euro al giorno

  • Sfratti, Marina e i suoi 4 figli da oggi sono per strada: "Il Comune non paga più il buono casa"

  • Smarrita a 4 anni alla stazione Termini: rintracciata dalla polizia e riaffidata ai genitori

Torna su
RomaToday è in caricamento