RomaNordToday

Fleming invaso dalle deiezioni canine: dagli Scout i distributori di sacchetti

Il branco del Gruppo Roma 26 ha realizzato i contenitori per le bustine invitando i padroni dei cani ad utilizzarle "per un quartiere migliore e più pulito"

foto: Francesca B. - Comitato Fleming Tor di Quinto

Deiezioni canine non raccolte, pedoni costretti allo slalom sui marciapiedi oltre che a convivere con il cattivo odore che scaturisce da quei "ricordini". Un problema annoso per le strade del Fleming dove il poco rispetto per gli altri e la scarsa attenzione al decoro si sommano ai controlli inesistenti contribuendo a far si che quei marciapiedi si trasformino, salvo il passaggio di AMA, in veri e propri letamai. 

Una situazione alla quale hanno voluto dare un taglio gli Scout A.G.E.S.C.I. Roma 26 che hanno la loro sede presso la Parrocchia del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo, proprio nel cuore di Collina Fleming. 

I giovani del Gruppo, nato autonomo nel 1997, hanno realizzato e installato su alcuni pali del quartiere dei distributori di sacchetti per raccogliere le deiezioni canine: un'idea originale accolta con stupore e gratitudine dalla zona i cui proprietari dei cani adesso non avranno più alcuna scusa per fare quello che è loro dovere. 

"Contenitori realizzati dagli Scout RM 26 per rendere il nostro quartiere migliore e più pulito" - il messaggio lasciato dal branco del Gruppo. E visto l'impegno come non dar seguito al loro appello. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento