RomaNordToday

"Nessun danno a rete Acea". Dopo un mese al Fleming scava il Municipio

Il XV impegnato nello scavo alla voragine di via Flaminia 730: "Impossibile stabilire fine lavori"

Ad un mese dall'apertura della voragine di via Flaminia, quella all'altezza del civico 730, è ancora in corso la ricerca delle cause che hanno provocato lo smottamento del manto stradale. 

Voragine via Flaminia 730: "Nessun danno reti Acea"

Le verifiche effettuate da Acea hanno evidenziato prima l'assenza di criticità sulla rete fognaria, poi quella sulla rete idrica: "Acea ritiene che la voragine non sia stata determinata da perdite provenienti dalle condotte indagate" - ha fatto sapere il presidente del Municipio XV, Stefano Simonelli. 

Lo scavo del Municipio sulla voragine del Fleming

Da qui l'intevrento dell'impresa del Quindicesimo che già da oggi 15 febbraio ha intrapreso le attività di scavo per individuare le cause del cedimento per poi procedere ai lavori di ripristino, "sperando - ha sottolineato Simonelli - di non trovare spiacevoli sorprese". 

"Al momento - fanno sapere da via Flaminia 872 - non è possibile stimare i tempi di conclusione lavori". Per il Fleming dunque ancora giorni, se non settimane, imbrigliato tra cantieri in corso, scavi e transenne. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • Incidenti stradali a Roma, giovedì di sangue: tre morti e una bimba di 10 anni in gravi condizioni

Torna su
RomaToday è in caricamento