RomaNordToday

Torquati (Municipio XV): "Nuova spinta per una politica più vicina ai cittadini"

RomaToday ha intervistato il neo Presidente del Municipio XV Daniele Torquati. La difficile eredità della giunta precedente, il rapporto con Barletta e il difficile ruolo della politica in tempi di crisi: ecco cosa ne pensa

Assieme al Presidente Valerio Barletta (XIV Municipio) è il mini sindaco più giovane di questa "Era Marino". Abbiamo incontrato Daniele Torquati, da poco alle redini della XVesima circoscrizione, per parlare dei primi giorni di governo, il rapporto con il municipio "confinante" e la difficile situazione della politica in un clima di disaffezione e crisi generale.

Presidente, un commento su questi primi giorni di governo.

Come ci aspettavamo sono giorno difficili, come lo saranno anche i prossimi mesi. Il nuovo consiglio municipale si è trovato davanti una situazione davvero molto critica e questo non per la solita litania per la quale "chi arriva nuovo, dà la colpa ai precedenti". Qui, sono i fatti a parlare: basti pensare che fino al 30 settembre la nostra circoscrizione non potrà godere di alcun servizio sociale essenziale coperto. Allo stesso modo, nell'ambito dirigenziale ci troviamo in una condizione totalmente deficitaria per cui dovremo ricostruire l'intera macchina amministrativa con la difficoltà di trovare i fondi necessari nonostante si tratti di servizi per i quali i cittadini si trovano già a pagare le tasse.

Con Valerio Barletta, Presidente del "confinante" Municipio XIV, c'è un grande rapporto sia personale che istituzionale. Farete lavoro di squadra nella rispettiva gestione dei vostri territori?

Assolutamente sì, è con grande piacere che ricopro questo ruolo contestualmente alla sua esperienza di governo. Insieme rappresentiamo i due Presidenti municipali più giovani della capitale e a mio avviso, proprio per questo, abbiamo dato una spinta propulsiva e di forte cambiamento a tutta la città. Lavoreremo insieme su molti punti e sulla realizzazione di molte idee come, ad esempio, la proposta che lui stesso mi ha fatto circa la trasformazione del sistema ferroviario che attraversa i nostri territori, per realizzare così un sistema di viabilità migliore rispetto alla congestionata situazione attuale.

Cosa pensa circa il ruolo della politica al giorno d'oggi e come vede la percezione di questa da parte dei cittadini?

Purtroppo la situazione è drammatica. Abbiamo davanti agli occhi il triste dato che alle nostre consultazioni hanno partecipato pochissimi cittadini: questo indica la forte disaffezione e putroppo il continuo allontanamento della gente nei confronti del mondo della politica e delle istituzioni. Credo che per chi come noi rappresenti e ricopra delle cariche istituzionali, ci sia anche il doveroso obiettivo culturale di riportare la politica alla sua vera "missione": essere al servizio e vicino ai cittadini. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento