RomaNordToday

Roma Nord sommersa dai rifiuti: "Qui il modello 5 Stelle non è mai esistito"

Dalla Cassia al Fleming si moltiplicano le segnalazioni su strade come discariche: sul tema dei rifiuti in Municipio XV sarà Consiglio straordinario

rifiuti in via Sabatino Lopez - La Storta

Da via Sabatino Lopez a La Storta, passando per via Veientana a Grottarossa fino ad arrivare nel cuore del Fleming: i rifiuti invadono le strade di Roma Nord trasformandole in vere e proprie discariche a cielo aperto, sotto le finestre dei residenti. 

Da La Storta al Fleming: Roma Nord invasa dai rifiuti

E' così da giorni con la Capitale alle prese con i primi sintomi dell'ennesima emergenza rifiuti. Una vera e propria beffa per un territorio, quello del Municipio XV, che si è visto calare dall'alto la decisione di realizzare in quel di Cesano, tra scorie nucleari e antenne, uno degli impianti di compostaggio utili alla città.

Condizioni inaccettabili per un quadrante oltretutto orfano, dal maggio scorso, del centro di raccolta Ama di via Cassia chiuso fino a data da definire "per ristrutturazione". Così dai quartieri più centrali a quelli periferici si moltiplicano le segnalazioni su marciapiedi colmi di immondizia e strade invase dai rifiuti. 

Rifiuti, i romani segnalano l'emergenza: ecco la mappa della spazzatura in strada

Il Pd: "Modello 5 Stelle mai esistito"

"La realtà ci dice che la situazione è peggiorata sempre di più: la raccolta differenziata è bloccata da quando noi l’abbiamo avviata, i progetti delle nuove Isole ecologiche sono naufragati, l’area dell’Olgiata chiusa, l’impianto di Compostaggio viene  imposto ai cittadini e rifiuti in ogni luogo. Non è una questione semplicemente di raccolta, ma di un sistema che non funziona e che è peggiorato notevolmente" - hanno scritto in una nota i consiglieri del gruppo Pd in Municipio XV che hanno chiesto a via Flaminia un Consiglio straordinario sul tema dei rifiuti. 

"Ci sembra doveroso che l’Amministrazione si prenda degli impegni e ci spieghi cosa intende fare. Saremo pronti a fare delle proposte in Aula e a dare dei suggerimenti, ma nella chiarezza delle informazioni. Non ci interessa dire che il modello dei 5 stelle è fallito o forse non è mai esistito, ci interessa - hanno sottolineato Gina Chirizzi, Marcello Ribera, Agnese Rollo e Daniele Torquati - che non si distrugga del tutto il lavoro fatto in precedenza e che non si lascino macerie alla fine di questa esperienza del finto cambiamento, ma soprattutto ci interessa la qualità della vita dei cittadini del Municipio". 

La richiesta del Consiglio straordinario è stata sottoscritta anche dai consiglieri Giuseppe Mocci (FI), Giorgio Mori (Fdi), Andrea imbimbo (Lista Marchini) e Gaetano Morgillo (M5s). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Speriamo - hanno concluso i Dem - che il Consiglio sia utile, ma soprattutto partecipato dai cittadini che ormai sembrano rassegnati al degrado”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento