RomaNordToday

Il temporale manda sott’acqua Roma nord, da Settebagni a Ponte Milvio allagamenti e asfalto “esploso”

Nella borgata lungo la Salaria vie di accesso sommerse e residenti in strada nel cuore della notte, dissesti a Prima Porta e via Flaminia: il manto saltato segnalato con arredi dei locali e pattumiere

foto Facebook: Comitato di Quartiere Settebagni

Il violento temporale che questa notte si è abbattuto su Roma e dintorni ha provocato danni e disagi. 

Se Fiumicino fa i conti con “uno scenario da guerra”, con pure una giovane donna morta alla guida della sua auto perché sbalzata via dalla tromba d’aria, e il centro della Capitale si ritrova con alberi su strada, vie allagate, sottopassi sommersi e stazioni della metro chiuse, anche Roma Nord risulta tra i quadranti maggiormente colpiti dal nubifragio. 

Allagamenti dalla Cassia a Ponte Milvio

Chiusa al traffico per dissesto del manto stradale via Mattia Battistini, all’altezza di via Lucio II.

Sulla Cassia Veientana  per ore è stata chiusa la carreggiata in direzione Roma all’altezza del km 1,000, con il traffico deviato sullo svincolo ospedale Sant'Andrea fino alle ore 12, quando il tratto è stato riaperto.

Sempre nei dintorni del Grande Raccordo Anulare difficoltà di circolazione all’altezza del sottopassaggio nei pressi di via Valchetta Cartoni, a Labaro. In zona Bufalotta difficoltà di circolazione in via Nino Martoglio. 

Maltempo a Roma: allagamenti e alberi in strada. Chiusa stazione Repubblica della metro A 

Temporale a Roma: Settebagni sott’acqua

Ma sono Settebagni, Prima Porta e Ponte Milivio ad aver avuto la peggio. 

Il quartiere lungo via Salaria nel cuore della notte è finito letteralmente sott’acqua: sommersa la rotonda d’ingresso con i residenti costretti a scendere in strada, muniti di secchi e galosce, per liberare le caditoie dai detriti con rastrelli e a mani nude. Asfalto completamente saltato all’altezza della parrocchia. Via vai continuo nell’oscurità per liberare le automobili dal fango e metterle al sicuro, in pendenza. 

Allagamenti e asfalto “esploso” a Prima Porta

Sommersa la grande area parcheggio (privata ma a disposizione del quartiere ndr.) di Prima Porta, quella tra via della Giustiniana e via Concesio. Un quartiere che, dopo l’alluvione del 31 gennaio 2014, ha passato la notte con il fiato sospeso. Sospiro di sollievo l’indomani: tra i danni più ingenti l’asfalto come “esploso” all’altezza di via di Valle Muricana. Transenne e Polizia Locale sul posto. 

Fango a Valmelaina

Non ride nemmeno Valmelaina dove, in attesa della conclusione dei lavori su viale Jonio, si registrano allagamenti sempre all’altezza di via Scarpanto con gli esercenti arrivati nelle loro attività per constatare lo stato delle cose dopo l’ennesima pioggia battente che li scatena ancora il timore dei negozi sommersi. 

L'odissea dei commercianti di viale Jonio: dopo il nubifragio negozi allagati e fango ovunque

Crepe nell’asfalto a Ponte Milvio: buche segnalate con sgabelli e pattumiere

Tombini divelti e strade sprofondate a Ponte Milvio dove su via Flaminia cittadini e commercianti hanno deciso di segnalare i dissesti utilizzando sgabelli dei locali e pattumiere. 
 

Nel video di Max Petrassi della GreensideRoma onlus Ponte Milvio, via Flaminia

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento