RomaNordToday

Oltre il complotto del frigorifero, dal XV: "Riattivare servizi Ama per cittadini"

L'ex presidente della Commissione Ambiente del Quindicesimo, Marcello Ribera, si appella al Municipio: "Ripristinare ritiro a domicilio, centri raccolta mobili Ama e dare impulso a differenziata"

Ingombranti abbandonati negli angoli più nascosti dei quartieri, nelle aree verdi, nelle strade buie e isolate, nelle piazzole lungo le consolari: non si placano i comportamenti incivili di quanti, evitando le isole ecologiche, sversano illegalmente mobili, calcinacci e quant'altro provocando danno all'ambiente e al decoro. Una piaga mai sopita ma per la quale si chiede un argine.

Ad appellarsi al Municipio XV Marcello Ribera, ex presidente della Commissione Ambiente, che ha chiesto a via Flaminia 872 di impegnarsi affinchè venga riattivato il servizio gratuito di ritiro ingonbranti a domicilio da parte di Ama e quei centri mobili di raccolta che tanto successo avevano registrato nei week end dedicati ai vari quartieri di Roma Nord. 

"Troppo immobilismo sul tema rifiuti da parte del Campidoglio e dell’Amministrazione municipale del Quindicesimo e, purtroppo, gli effetti negativi sono visibili a tutti. La mancanza di servizi precedentemente garantiti sta incentivando gli atteggiamenti incivili che si concretizzano nell'abbandono indiscriminato di rifiuti per le strade: per contrastare tali atteggiamenti è necessario non soltanto implementare i controlli, ma anche ripristinare i servizi al cittadino" - sostiene Ribera ricordando come sui Centri di Raccolta mobili di Ama il Pd abbia presentato una proposta di risoluzione "per realizzare una nuova programmazione che ristabilisca questa fondamentale iniziativa per i cittadini del Municipio". 

Un impulso poi, secondo il Democratico, servirebbe anche alla raccolta differenziata introdotta nel Quindicesimo proprio negli scorsi mese: "Altra battuta d'arresto il territorio del XV l'ha subita sull’estensione della nuova raccolta differenziata. A fine aprile 2016, infatti, Ama Roma S.p.a. aveva avviato la distribuzione a domicilio del kit per la nuova raccolta differenziata stradale a cinque frazioni, ma, non essendo ancora stati posizionati i nuovi cassonetti per la raccolta, molti cittadini non sono in condizione di poter differenziare, nonostante sia stato consegnato loro il kit".

"Nell’ultimo anno la precedente amministrazione aveva avviato questa importante transizione rivoluzionaria, ma siamo solo all’inizio e l’interruzione di tutte queste attività, comprese le iniziative di comunicazione e sensibilizzazione, rischiano concretamente di far tornare indietro di anni il nostro territorio. Sono molti i cittadini che lamentano l’assenza dell’amministrazione pentastellata su questi temi importanti" - ha concluso Ribera auspicando che il Municipio si decida, dopo oltre tre mesi, "almeno a considerare le proposte presentate dal Partito Democratico. Siamo disponibili alla discussione e al confronto, affinché - ha sottolineato il consigliere - il lavoro e le attività impostate precedentemente possano riprendere per il bene di tutto il territorio."

Potrebbe interessarti

  • Atac: tutti gli abbonamenti agevolati

  • Il miglior pane d'Italia: il Gambero Rosso premia due forni di Roma con il massimo dei voti

  • Distributori di Benzina "No Logo": dove il pieno costa meno

  • 7 laghi meravigliosi da visitare nei dintorni di Roma

I più letti della settimana

  • Terremoto Roma: scossa avvertita in diverse zone della città. Epicentro a Colonna

  • Atac: tutti gli abbonamenti agevolati

  • Uccide la moglie e poi si spara: i due coniugi non riuscivano a pagare l’affitto

  • Sciopero a Roma, martedì 25 giugno metro e bus a rischio: tutte le informazioni

  • Il miglior pane d'Italia: il Gambero Rosso premia due forni di Roma con il massimo dei voti

  • Marito e moglie morti in casa a Tomba di Nerone, ipotesi omicidio-suicidio

Torna su
RomaToday è in caricamento