RomaNordToday

Quasi 50 mila euro per le nuove sedie degli uffici: in Municipio XV è polemica

Fratelli d'Italia attacca la scelta dell'amministrazione Cinque Stelle, il minisindaco Simonelli: "Investiti fondi per forniture utili, dallo stesso stanziamento soldi per strade e scuole"

Una spesa, ma non "pazza". Con una lunga spiegazione il presidente del XV, Stefano Simonelli, placa polemiche e critiche sull'acquisto delle nuove sedie per gli uffici del municipio. 

In Municipio XV spesi 47mila euro per le sedie

Circa 47mila gli euro investiti da via Flaminia per comprare le sedute. "Le grandi prioritá Cinquestelle in XV municipio: 40.000 euro in sedie girevoli nuove. Primum ... apparire" - aveva commentato il consigliere di Fratelli d'Italia, Giorgio Mori, al momento dello scarico della merce acquistata in quel di via Flaminia. 

Da li il tam tam sui social con aspre critiche al minisindaco e qualche domanda se non fosse stato più utile utilizzare la somma per altro. 
Una cifra parte di quella arrivata nelle casse di via Flaminia nell'ottobre scorso: oltre 3milioni e 600mila euro da spendere entro lo stesso anno. Per Giunta e uffici una corsa contro il tempo per individuare priorità, necessità e indire le relative gare per assegnare i fondi. 

Il minisindaco Simonelli: "Oltre forniture, manutenzione scuole"

"Verso settembre si è aperta la possibilità di avere dei fondi aggiuntivi dal Comune: nell'ottobre successivo al Municipio XV sono stati stanziati 3milioni e 651mila euro sul Titolo II che comprende anche le forniture" - ha spiegato Simonelli sottolineando come dell'intera somma oltre un milione e mezzo sia stato utilizzato per la manutenzione straordinaria delle strade, poco meno di 2milioni alla manutenzione straordinaria delle scuole, 76mila euro al'acquisto di elettrodomestici, sempre per le scuole, e "soltanto" 60 mila per sedie e arredi. A vuoto la gara, da 20mila euro, per software da destinare all'ufficio tecnico. 

Il Municipio XV compra 250 sedie

Nella spesa per il mobilio del Municipio XV: 250 sedie operative, 50 sedute di tipo attesa, 3 sedie direzionali, 16 sedie da conferenza, 5 armadi porta documenti e dieci cassettiere da tre cassetti ciascuna. 

"Su 3milioni e 651mila euro arrivati a ottobre dal Comune sul Titolo II, meno di 150mila euro sono stati dedicati a elettrodomestici e mobilio per gli uffici. Il resto - ha sottolineato il minisindaco - è stato investito sulla manutenzione delle strade e delle scuole". 

Il recupero delle sedie sostituite ma riutilizzabili

Dunque, secondo il minisindaco, non un acquisto improprio o esagerato. Nessun pezzo poi, tra quelli sostituiti ma recuperabili, andrà perduto. 

"Le sedie, gli armadi e le cassettiere sono destinati a tutti gli uffici: sede principale, anagrafici e ufficio del sociale. Le sedie che vengono sostituite e che però sono in buono stato e utilizzabili - ha assicurato Simonelli - verranno recuperate e utilizzate per altri uffici del territorio, come il XV Gruppo di Polizia Locale, che ne hanno bisogno". 
 

Potrebbe interessarti

  • Imprenditrice cinese spende undici milioni di euro per una villa a due passi da Villa Borghese

  • Bonus idrico: cos'è e chi può usufruirne

  • Centrifughe e frullati: eccone 8 da provare nell'estate romana

  • Sos pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

I più letti della settimana

  • Condomini aspettano i ladri sul terrazzo, li bloccano nel palazzo e li consegnano alla polizia

  • Sciopero a Roma: mercoledì 24 luglio a rischio bus, metro e tram. Gli orari

  • Incidente a Primavalle: si ribalta con la Porsche e scappa lasciando donna agonizzante in auto

  • Blindati della polizia alla scuola di via Cardinal Capranica: notte d'assedio, in mattinata lo sgombero

  • Roma, incendio in via Appia Nuova: brucia autodemolitore, alta colonna di fumo nero in cielo

  • Metro A, nel week end chiude la tratta tra Colli Albani e Anagnina

Torna su
RomaToday è in caricamento