RomaNordToday

A Valle Muricana arriva l'antenna "killer": il quartiere si ribella, tir respinti

Rimandata l'installazione della SRB in via Viadanica: la periferia del XV in lotta da oltre tre anni per evitare il suo posizionamento tra case e tralicci dell'alta tensione

Dopo tre lunghissimi anni di battaglie, tra sit in, riunioni e burocrazia, per scongiurare l'approdo nel bel mezzo del quartiere di un'antenna di telefonia mobile, questa mattina Valle Muricana ha assistito all'arrivo dei tir con all'interno le parti della SRB (stazione radio base): un "mostro", così tutti li lo chiamano da sempre, alto circa 35 metri che potrebbe presto svettare tra i tetti del quartiere. 

Condizionale d'obbligo perchè, almeno per oggi, l'installazione è stata rimandata. Sin dalle prime ore del mattino alcuni residenti, spalleggiati dal minisindaco del Municipio XV, Stefano Simonelli, si sono ritrovati accanto al lotto di via Viadanica per opporsi all'innalzamento dell'antenna. 

A Valle Muricana un antenna tra cavi e tralicci

Tutto posticipato: la compagnia di telefonia mobile, incalzata dai tecnici del Quindicesimo, è stata invitata a fornire ulteriori documentazioni prima di aprire il cantiere e tirare su l'antenna che fa tremare Valle Muricana. Un ripetitore che arriva nel bel mezzo di palazzine e villette già vessate dalla presenza dell'elettrodotto Santa Lucia: 220 Kw di potenza, presenza ingombrante con i suoi tralicci e i cavi metallici a tagliare il cielo. Dell'interramento dei giganti di ferro e della variante aerea dei cavi promesse, dopo anni di attesa, nessuna traccia: così a pochi metri da quei piloni il quartiere potrebbe a breve dover sopportare pure la presenza di una SRB. 

Valle Muricana, l’elettrosmog fa paura: tra i tralicci incombe un’antenna

La battaglia di Valle Muricana contro l'antenna "killer"

E' l'elettrosmog a preoccupare la zona che pure contro l'antenna "killer" si è mobilitata con tutte le sue forze. 

Nulla da fare: l'installazione su lotto privato, sin dal 2015, ha escluso dalla trattativa Municipio e Comune che, in base al Decreto Gasparri che disciplina la materia, avrebbero potuto solamente proporre al gestore un terreno diverso nella stessa area di interesse e che andasse bene alla società di comunicazioni. Dunque se non proprio via Viadanica comunque nei dintorni: ipotesi alla quale il Municipio XV, allora a guida Pd, si era detto contrario.

Da li la ricerca di soluzioni per stoppare l'antenna con i cittadini, inizialmente non informati e dunque scippati della possibilità di presentare osservazioni, chiamati a formulare le argomentazioni di opposizione nei trenta giorni di stop al cantiere.

Tutto inutile come la sospensione dell'Occupazione di Suolo Pubblico e la più recente archiviazione della richiesta per l'autorizzazione contro cui la compagnia telefonica ha fatto ricorso vincendolo. Così Valle Muricana, nonostante pure la Commissione Trasparenza del Comune avesse chiesto ancora tempo per ulteriori verifiche, stamattina si è svegliata con l'incubo della SRB. Qualche decina i residenti che hanno deciso di dare ancora battaglia sull'antenna bloccando di fatto la sua installazione. 

Il sit in dei residenti blocca l'antenna

"Per oggi grazie anche alla presenza del presidente Simonelli e dell'Ufficio Tecnico siamo riusciti a fermare l'antenna. Non smetteremo mai di dire che, seppur su terreno privato, quello è un punto totalmente inadatto perchè troppo vicino alle abitazioni: nella palazzina di fronte a questo enorme mostro che vogliono metterci sulla testa vivono 20 bambini. Non possiamo permetterlo" - hanno detto a RomaToday da via Viadanica. "Quando torneranno saremo ancora qui: l'antenna - dicono da Valle Muricana - li non la vogliamo". 

E a quanto si apprende dai corridoi di via Flaminia la partita sull'antenna di Valle Muricana non è affatto chiusa: l'ipotesi all'orizzonte è quella di far si che l'installazione della SRB avvenga in altra area. Tutto potrebbe dunque ricominciare dal principio.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento