RomaNordToday

Labaro, sotto al viadotto baracche e fumi tossici: "Raggi intervenga"

Tra stazione La Celsa e Tevere un villaggio della disperazione, la denuncia della Lega: "Smantellamento e verifica su occupanti"

Baracche costruite con materiali di fortuna, tuguri immersi nel terriccio e nel fango, esposti al gelo e alle intemperie, riparati solo da teli anti pioggia, lamiere e pilastri che sostengono la strada: è il villaggio della disperazione che sorge sotto al Viadotto Giubileo del 2000, tra Labaro e Prima Porta. 

Baraccopoli sotto al Viadotto Giubileo del 2000

Un insediamento di lungo corso, a poche decine di metri dagli argini del Tevere e dalla stazione La Celsa sulla linea della Ferrovia Roma Nord. 

"Oltre 100 le persone che vivono li in modo del tutto abusivo, aumentate visibilmente rispetto agli anni scorsi" - denunciano i delegati del Coordinamento Lega Salvini Premier del XV Municipio che hanno effettuato un sopralluogo per verificare le condizioni di quel fazzoletto di terra che corre tra Flaminia e Tevere. 

Fumi acri e rifiuti accanto a Tevere e stazione

Già perchè quell'area, da tempo, è al centro delle preoccupazioni di residenti e pendolari: quotidiana l'accensione di fuochi che sprigionano nell'aria fumi acri e nauseabondi, evidenti le condizioni di degrado e insicurezza tra cumuli di immondizia e via vai di persone nell'oscurità più totale, proprio sul ciglio delle strade che si intersecano nell'incrocio "a rischio frontali". Che dire poi ti tombini razziati e auto saccheggiate. Una vera e propria "terra di nessuno". 

“Le baracche sono decine costituite di lamiere in mezzo a topi e rifiuti. Oltre agli insediamenti abusivi sono stati individuati resti di veicoli, copertoni di auto, elettrodomestici dismessi e rottami vari. Come se non bastasse, è stato constatato un problema relativo al potenziale maltrattamento di animali, con delle gabbie contenenti persino un maiale in un recinto di poco più di un metro quadrato (per il quale è stata contattata l'ASL veterinaria competente) e vari animali come cani e gatti denutriti e abbandonati a sé stessi" - riportano il consigliere regionale Daniele Giannini e il coordinatore del Quindicesimo, Andrea Nardini, segnalando pure  “ripetuti danni alle autovetture parcheggiate nei pressi della stazione di La Celsa e Labaro, con finestrini rotti per i furti e autoradio rubate".

L'appello al Campidoglio: "Smantelli insediamento"

Da qui l'appello al Municipio XV e al Campidoglio affinchè smantellino l'insediamento sotto il Viadotto Giubileo del 2000, come gli altri presenti in città risolvendo i problemi relativi al decoro, degrado e sicurezza "che derivano dalla presenza delle baracche". 

"Chiediamo inoltre - hanno concluso dalla Lega - la verifica urgente degli occupanti di questo anfratto della città dimenticato dalla giunta Raggi per verificare la presenza di eventuali persone che non hanno il diritto di restare sul suolo italiano”.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Sciopero, a Roma lunedì 16 settembre a rischio i bus in periferia

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 14 e domenica 15 settembre

  • Ragazza impiccata al parco giochi, il ritrovamento dopo una notte di ricerche. Il racconto del custode

Torna su
RomaToday è in caricamento