RomaNordToday

Lampioni spenti da due settimane: è buio pesto a Colli d'Oro

In via Macherio viaggio nelle tenebre

Buio pesto in via Macherio, a Colli d'Oro. Un tratto della strada che collega Labaro a Prima Porta è piombato nell'oscurità più totale da due settimane: lampioni spenti che catapultano automobilisti e pedoni in un vero e proprio viaggio nelle tenebre. 

A Colli d'Oro è buio pesto

Troppo fievoli le luci di lampioncini e finestre dei condomini privati su uno dei lati della via, dall'altra parte solo l'aperta campagna: oscura e nera più che mai. Così la prima parte di via Macherio, tra via Bisuschio a via Busto Arsizio, è un salto nel buio. 

Un chilometro di tenebre

Un chilometro circa da percorrere con gli abbaglianti, un tratto di strada davvero troppo pericoloso da fare a piedi: e per i residenti di quelle palazzine, ma anche per coloro che utilizzano la via per fare sport, quella strada è ormai diventata off limits. 

Due settimane di buio per via Macherio

Una situazione che va avanti dal 5 novembre scorso, nonostante le segnalazioni ad Acea. Nulla però li sembra essere cambiato con gli abitanti, già alle prese con discariche perenni e radici attenta incolumità, ormai sul piede di guerra. "Qui è buio totale in tutti i sensi" - commenta qualcuno.

E chissà se adesso saranno i residenti di Colli d'Oro a doversi munire di torce: le stesse che, dopo settimane di reclami, gli abitanti della parte bassa di Labaro sono fortunatamente riusciti a riporre
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento