RomaNordToday

Morì a vent’anni per salvare civili dall'alluvione, rischia l’oblio Giampaolo Borghi: il pompiere eroe

A ricordare il vigile del fuoco scomparso durante l’alluvione di Labaro e Prima Porta del ’65 solo un busto e una stele, l’ultima cerimonia istituzionale nel 2015: “Municipio XV istituisca giornata del ricordo”

Il 2 settembre del 1965 morì durante l’alluvione di Labaro e Prima Porta per salvare i civili dal fango e dalla furia dell’acqua: oggi, a cinquantaquattro anni da quel tragico evento, a ricordare Giampaolo Borghi ci sono la memoria di chi ha vissuto quegli attimi tremendi e due piccoli monumenti. 

Giampaolo Borghi: il pompiere eroe

Un busto nel cortile della scuola di Prima Porta a lui dedicata e una stele nei pressi della stazione di Labaro, proprio nel luogo dove il vigile del fuoco allora appena ventenne si è immolato “per l’altrui salvezza” – si legge sulla lastra di marmo. 

Un pompiere eroe il cui nome evoca a Labaro e Prima Porta il drammatico evento: un’alluvione che inghiottì case, campi e piccole botteghe. Una tragedia immane nella quale, oltre a Giampaolo Borghi, persero la vita altre 12 persone. 

L’alluvione di Labaro e Prima Porta 

Una notte, quella tra il 1 e il 2 settembre del ’65, da ricordare seppur nefasta. Eppure l’ultima iniziativa istituzionale risale al 2015, in occasione del cinquantesimo anniversario.

“Nonostante siano passati cinquantaquattro anni dal tragico evento è importante, ancora oggi, mantenere viva la memoria storica ed è dovere delle Istituzioni far perdurare nel tempo la gratitudine per chi sacrificò la propria vita per gli altri. In questi ultimi anni, purtroppo, non è stata focalizzata la giusta attenzione su quei tragici eventi del ‘65. L’ultima manifestazione – ricorda il consigliere di Forza Italia in XV, Giuseppe Mocci - risale proprio al 2015, anno in cui venne celebrato il cinquantesimo anniversario dell’alluvione”. 

Giampaolo Borghi, morto nell’alluvione del ’65: “Nessuno lo dimentichi”

Da qui, dopo una piccola cerimonia spontanea di commemorazione ai piedi del monumento in memoria di Giampaolo Borghi, la proposta: “Durante i lavori della Commissione Scuola e Cultura del XV Municipio ho proposto ai colleghi di lavorare per l’istituzione di una giornata del ricordo di quei tragici eventi che colpirono i nostri quartieri cinquantaquattro anni fa”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È dovere di tutti – ha specificato Mocci - non dimenticare e trasmettere ai posteri il ricordo di qui tragici giorni”. Perché il sacrificio del pompiere eroe appena ventenne non caschi nell’oblio. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 13 contagi in 24 ore nel Lazio. "Preoccupazione per aeroporti e stazioni di Roma"

  • Coronavirus: nel Lazio per la prima volta il numero dei guariti supera quello dei positivi

  • Tragedia a Montespaccato: ragazzo di 30 anni trovato morto impiccato nel garage di casa

  • Coronavirus, a Roma appena 2 nuovi contagi in 24 ore: sono 3055 gli attuali casi positivi

  • Coronavirus, a Roma 8 nuovi contagiati in 24 ore: sono 3538 gli attuali casi positivi nel Lazio

  • Coronavirus, a Roma 3 nuovi casi in 24 ore: 3163 gli attuali casi positivi

Torna su
RomaToday è in caricamento