RomaNordToday

Non solo furti: buio e rifiuti divorano le stazioni della Roma Nord

Da La Celsa a Montebello parcheggi di scambio tra degrado e insicurezza

Degradate, buie e insicure: questa nel complesso la condizione delle stazioni più periferiche della Ferrovia Roma Nord. E' così da Montebello a Tor di Quinto passando per La Giustiniana, Labaro e La Celsa.

Numerosi e continui i furti nelle automobili dei pendolari: finestrini in frantumi, fili strappati, portiere forzate. 

Bottini spesso magri ma danni ingenti, tanto da indurre gli utenti della linea Roma-Civitacastellana-Viterbo a preferire il rischio multa lasciando la propria vettura su strada, piuttosto che avvalersi di parcheggi di scambio incustoditi e alla mercé dei balordi. 

I parcheggi delle stazioni terra di nessuno: finestrini in frantumi e radio strappate

A La Celsa carcasse, furti e rifiuti

E' così soprattutto a La Celsa con i pendolari a scegliere la sosta sui bordi di via Flaminia piuttosto che negli stalli sotto i piloni del Viadotto Giubileo del 2000. Posti auto insicuri e immersi nel degrado più totale: ai lati discariche abusive, montagne di immondizia dietro le reti di recinzione che danno sugli argini del Tevere, tombini divelti e quella carcassa carbonizzata mai rimossa da mesi a questa parte. Intorno poi piccole baracche abusive e roghi tossici accesi dagli occupanti per resistere alle gelide serate d'autunno. 

La stazione Montebello fagocitata dal buio

Furti, ma soprattutto buio invece a spaventare quanti si avvalgono della stazione di Montebello dove, una volta scesi dal treno, i pendolari vengono letteralmente inghiottiti dall'oscurità. Nonostante le segnalazioni inoltrate dei lampioni accesi nemmeno l'ombra: così agli utenti non resta che farsi strada con le torce degli smartphone. Presa l'auto non va meglio: la rotonda è un buco nero, come la rampa verso la Flaminia.

Nel 2007 l'omicidio Reggiani: dopo undici anni stazione Tor di Quinto fa ancora paura

Discarica di ingombranti alla Giustiniana

Discarica di ingombranti tra le auto della Giustiniana dove qualcuno ha pensato di lasciare un divano capovolto con relativi cuscini. Un relitto che da giorni nessuno ha portato via, ormai fagocitato da muffa e lerciume. 

Così i reclami corrono sui binari della Roma-Civitacastellana-Viterbo, dentro e fuori i vagoni del treno. Grida ancora in gran parte inascoltate. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Detenuto evaso a Roma: portato al Pertini per un controllo scappa. Caccia all'uomo: elicottero in volo

  • Sistema la spesa in auto e viene centrata da una jeep in retromarcia: morta un'anziana

  • Incidente sul Raccordo Anulare: morto giovane agente immobiliare

  • Metro A, nuova fase dei lavori: per 6 giorni stop tra San Giovanni e Ottaviano

  • Donna trovata morta nei boschi: era a Fiumicino per il matrimonio della figlia

  • Ferragosto a Roma: gli eventi del 15 agosto per chi rimane o si trova in città

Torna su
RomaToday è in caricamento