RomaNordToday

Labaro in fermento, arriva Papa Francesco: maxischermo a Galline Bianche

Il Santo Padre in visita alla parrocchia San Crispino da Viterbo: incontro con la comunità e messa per i fedeli

C'è grande fermento a Labaro dove, domenica 3 marzo, arriverà Papa Francesco. Il Pontefice sarà accolto dalla comunità della parrocchia di San Crispino da Viterbo, nel cuore di Galline Bianche, per un pomeriggio di incontri e preghiera. 

Papa Francesco a Labaro

Ad accogliere Papa Bergoglio, che arriverà intorno alle ore 16, il cardinale vicario Angelo De Donatis, il vescovo ausiliare di settore monsignor Guerino Di Tora e il parroco don Luciano Cacciamani, oltre che il viceparroco don Andrea Lamonaca e tutti i sacerdoti che prestano servizio a San Crispino.

Il Papa a San Crispino

Una vera e propria giornata di festa per Labaro dove, già da giorni, si lavora per rendere quell'angolo del quartiere decoroso e ospitale. Papa Francesco incontrerà bambini e ragazzi del catechismo di preparazione a Comunione e Cresima, oltre che i genitori dei bambini che hanno ricevuto o stanno per ricevere il sacramento del Battesimo. 

Poi sarà la volta dell'incontro con i senza fissa dimora e gli indigenti seguiti dalla Caritas parrocchiale e dalla Comunità di Sant’Egidio, con loro ci saranno anche diversi volontari. Il Santo Padre, prima del saluto ai sacerdoti della comunità e delle confessioni di alcuni fedeli,  incontrerà i malati e i disabili di San Crispino. 

Un maxischermo per il Papa a Labaro

A conclusione della visita la celebrazione della Messa. Per consentire ampia partecipazione, nello spazio davanti alla parrocchia sarà allestito un maxischermo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"C’è molto fermento e un grande desiderio di incontrare il Papa. Tutti stanno dando una mano, anche nelle pulizie e sistemazioni, per rendere la nostra casa più accogliente. Per noi - ha dichiarato il parroco don Luciano Cacciamani sul sito della Diocesi di Roma - è un segno di incoraggiamento a fare sempre di più e sempre meglio, a non sentirci isolati. Sarà anche una buona occasione per riavvicinare alla fede alcune persone che ne sono lontane". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento