RomaNordToday

Idrovore manuali e niente allerta: così Prima Porta si è allagata ancora

Domenica tra acqua e spavento nel quartiere del Municipio XV: le maggiori criticità nel quadrante di via Procaccini che attende la conclusione dell'impianto anti allagamento. Torquati: "Obiettivo è risanamento idraulico della zona"

Strade come fiumi, pianterreni allagati e cittadini infuriati: domenica di passione a Prima Porta, quartiere del Municipio XV dove sono bastati pochi minuti di pioggia intensa per scatenare l'ennesimo disastroso allagamento. 

Le condizioni peggiori nel quadrante di via Procaccini dove la mai emanata allerta meteo ha fatto sì che nessun incaricato, come da protocollo, fosse li pronto ad attivare quelle pompe idrovore temporanee che avrebbero di fatto potuto evitare danni e disagi. Una giornata complicata che nella zona di Roma Nord, da sempre fragile dal punto di vista idraulico, ha riacceso polemiche e dibattiti. 

ACQUA E SPAVENTO - "Molto spavento e molta acqua, ma la situazione è rientrata nel giro di poche ore" - ha commentato il Presidente del Municipio XV, Daniele Torquati, sottolineando come nel versante di Via Frassineto "l'impianto nuovo abbia funzionato" e "i tombini di Via Dalmine abbiano ricevuto". Assicurati tuttavia i controlli per liberarli da fogliame e detriti. 

CRITICITA' A PROCACCINI - "Le uniche criticità maggiori si sono registrate nelle Vie: Edolo, Villachiara, Montu Beccaria, Carenno e Giovanni da Borgogna, zona che sarà alleggerita proprio dai lavori dell'impianto di Via Procaccini in costruzione che sarà ultimato in estate" - ha detto il minisindaco ripercorrendo quanto accaduto. 

 

IDROVORE MANUALI - "Vorrei ricordare e precisare che la pompa di supporto di cui si parla in queste ore è stata messa da poco, proprio su richiesta del Municipio subito dopo l'inizio del cantiere e che prima non era mai esistita ed utilizzata ogni volta che è stata emanata l'allerta meteo. Tale pompa - ha spiegato Torquati - è ad accensione manuale in quanto la ditta esecutrice dei lavori ha l'obbligo di presidiare l’impianto quando viene emanata l'allerta meteo, che per domenica non era stata diffusa dalla Protezione Civile Regionale". 

PRESIDIO FISSO - Condizioni, quelle di domenica, che hanno dunque mostrato la necessità di quel presidio fisso peraltro già chiesto mesi fa dal Comitato 31 Gennaio. Una postazione che adesso  via Flaminia torna a chiedere con fermezza: "Fino a quando non sarà ultimato l'impianto di Via Procaccini, da noi sbloccato un anno fa e che servirà a tutta la zona attualmente in difficoltà, pretenderemo il presidio ogni volta che sarà prevista pioggia, a prescindere dell'emanazione dell'allerta meteo" - ha assicurato Torquati. 

CONTROLLI CONDTTURE - Ma le idrovore non sono l'unica parte da tenere sotto controllo: ispezioni ed interventi sono previsti alle condutture di Via Giovanni da Borgogna, per verificare eventuali lesioni, e di via Veientana Vetere, dove i tecnici del Quindicesimo si sono recati per controllare tutti gli allacci. 

COLLABORAZIONE DEL QUARTIERE - "Ringrazio la Protezione Civile di Roma e i volontari, i Vigili urbani, le Forze dell'Ordine e i Vigili del Fuoco che hanno monitorato la situazione e sono intervenuti tempestivamente. Ringrazio tutti i componenti del “Comitato 31 Gennaio Prima Porta – Labaro”, che come al solito con spirito di collaborazione si sono messi a disposizione del loro quartiere" - ha proseguito il minisindaco ringraziando soprattutto i cittadini incontrati "che hanno capito l'enorme lavoro che è stato fatto in questi tre anni, senza cedere alle provocazioni della miriade di candidati che domenica, come funghi, sono apparsi nel quartiere". 

RISANAMENTO IDRAULICO - Portare a termine il progetto di risanamento dell'intero quadrante l'obiettivo dichiarato da Torquati: "C'è ancora molto da fare e i risultati si ottengono con il lavoro, la presenza, la competenza e la serietà di una amministrazione supportata da una comunità consapevole e responsabile". 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente via Cassia: bus contro un albero, ambulanze sul posto. Ventinove feriti

  • È morto Paco Fabrini a 46 anni in un incidente: da piccolo interpretò il figlio di Tomas Milian

  • Weekend a Roma: gli eventi di sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Metro B chiusa, cambiano gli orari per i week end di ottobre

  • Metro A, interventi su scale mobili e ascensori: chiude per tre mesi la fermata Baldo degli Ubaldi

  • Granfondo Campagnolo, dal Colosseo ai Castelli Romani: strade chiuse e bus deviati

Torna su
RomaToday è in caricamento