RomaNordToday

Alberi messi in sicurezza: due mesi per liberare Prima Porta da transenne e caos

Riaprono via Inverigo e via della Giustiniana

Prima Porta libera da transenne e strade chiuse: dopo due mesi si conclude il calvario del quartiere del Municipio XV da inizio ottobre "ostaggio" di alcuni alberi pericolanti che avevano decretato l'interdizione parziale al traffico di una delle arterie principali. 

Fuga di gas in via della Giustiniana

Una chiusura alla quale la scorsa settimana se ne era aggiunta un'altra: questa volta su un tratto via della Giustiniana, la strada che taglia per lungo Prima Porta. Una fuga di gas con conseguenti lavori per la riparazione quel che aveva causato il divieto di transito sul cavalcavia fronte stazione. 

Inevitabili i disagi per i residenti imbrigliati tra strade transennate, percorsi alternativi, lunghe code e bus deviati. Tutto finito. 

Lavori sul cavalcavia

Conclusi i lavori per riparare la fuga di gas. Su via della Giustiniana è stato realizzato il sottofondo delle parti del manto stradale oggetto di intervento e sono stati posati strato di riempimento e binder: nelle notti di giovedì e venerdì, 30 novembre e 1 dicembre, verranno inoltre eseguiti i lavori di ripristino del manto stradale dal civico 1 al 189. 

In via Inverigo alberi messi in sicurezza

Operazioni concluse anche in via Inverigo dove due squadre del Servizio Giardini del Dipartimento Tutela Ambientale ed una terza del SOM XV hanno lavorato , con l'ausilio di tre cestelli, per la messa in sicurezza delle alberature all'interno dell'area delle case dell'ex Isveur. Niente più alberi pericolanti e strada dunque totalmente riaperta. 

Fughe di gas e alberi pericolanti: le strade chiuse mandano in tilt Prima Porta

L'assessore: "Manutenzione assente da sempre"

"Ci è voluto un intervento massiccio e straordinario per sopperire ad una manutenzione assente da sempre, nessuno aveva mai provveduto in questi anni a potare queste alberature di prima grandezza, con una regolare potatura di equilibriatura dei rami non avremmo assistito a crolli e inclinazioni" - ha commentato a margine l'assessore all'Ambiente del Municipio XV, Pasquale Annunziata.

L'ex minisindaco: "Quartiere ostaggio dell'incapacità"

Una nota pollemica poco gradita dall'ex minisindaco Daniele Torquati: " Dopo 58 giorni si annuncia con un post trionfalistico dell'intervento massiccio e ovviamente si scarica la colpa a 'chi c'era prima'. Dopo 58 giorni di silenzio, senza nessuna informazione, di scarico di responsabilità tra Municipio e Comune e di un quartiere ostaggio dell'incapacità. Dopo il nulla, quindi, arriva preciso e puntuale l'ipotetico mancato intervento negli anni precedenti: falso. Una retorica degna della vecchia politica. Una politica che non conosce vergogna. Una vergogna che non ha limiti" - ha scritto l'esponente del Pd replicando all'assessore. 

Dopo due mesi e un'infinità di disagi Prima Porta torna a respirare. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sul Raccordo Anulare, scontro tra auto e moto: morti due giovani di 27 e 20 anni

  • Morto in un incidente sulla Tangenziale est, sbalzato dalla Smart e investito da un pullman

  • Ikea, apre un nuovo punto nella Capitale

  • La Lazio e la passione per le moto: Finocchio e Borghesiana piangono Daniele, il giovane morto in un incidente stradale

  • Sciopero Cotral: venerdì 20 settembre a rischio il servizio extraurbano della Regione Lazio

  • In ritardo di due ore al primo giorno di scuola, le lacrime dei bambini sgomberati da Cardinal Capranica

Torna su
RomaToday è in caricamento