RomaNordToday

Furti di rame e centralina "inaccessibile": stazione La Celsa sprofonda nel buio

Pendolari costretti a parcheggiare altrove o a munirsi di torce elettriche

E' buio pesto a stazione La Celsa, fermata lungo la Ferrovia Roma Nord posizionata tra Labaro e Prima Porta. Usciti dal sottopassaggio per i pendolari della linea inizia una vera e propria odissea, tutta nell'oscurità più totale: il parcheggio di scambio, spesso teatro di razzie e furti ai danni delle auto, è una sorta di buco nero. Tanto pericoloso da costringere parte degli utenti a parcheggiare sopra, lungo la Flaminia, a rischio multa. 

Stazione La Celsa al buio

Una condizione che va avanti da tempo: prima con i lampioni accesi a intermittenza, ora spenti da almeno dieci giorni. Così si moltiplicano le segnalazioni da parte del Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord e dei cittadini costretti a munirsi di torce elettriche una buona dose di coraggio per affrontare il buio che regna sotto al Viadotto Giubileo del 2000.  

Labaro, sotto al viadotto baracche e fumi tossici: "Raggi intervenga"

Il Municipio XV nell'oscurità de La Celsa

Una situazione inaccettabile anche per il Municipio XV che più volte ha sollecitato Atac e Acea ad intervenire per risolvere la problematica. 

"Abbiamo messo a conoscenza della situazione Atac e abbiamo scoperto che l'azienda, che ha la gestione dei parcheggi di scambio, non era in possesso di un riferimento specifico di Acea da contattare per risolvere questo tipo di problematica" - hanno sottolineato il presidente del Municipio XV, Stefano Simonelli, e l'assessore all'Ambiente Pasquale Annunziata arrivati in sopralluogo serale a La Celsa. 

Furti di rame e centralina "inaccesibile"

Furti di rame e una centralina inaccessibile i motivi per i quali la stazione della Roma Nord sarebbe al buio. "Il problema di alcune luci, quelle della parte alta, è dovuto al fatto che alcuni cavi di rame sono stati rubati. Il problema dei lampioni sotto al parcheggio invece - riportano Simonelli e Annunziata - non è stato risolto perchè la centralina secondo Areti (società di distribuzione di energia elettrica del Gruppo Acea ndr.) è inglobata in un'area privata chiusa, dove non hanno accesso. Atac si è impegnata a fare un sopralluogo con Areti per cercare di capire qual è l'area interclusa". 

"La situazione - hanno aggiunto - risulta ancor più paradossale considerando che a fronte del non funzionamento dell’illuminazione nell’area del parcheggio della Stazione “La Celsa”, come purtroppo in altre aree del Municipio, o della mancanza totale di illuminazione pubblica in diverse vie, ci sono zone dove l’illuminazione è funzionante 24h". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui la promessa di ulteriore sollecito alla commissione del Comune e all'assessorato competente "affinchè intervengano in maniera efficacie ed efficiente" per risolvere il problema e far si "che non si ripeta". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Roma, la mappa del contagio dopo il lockdown: ecco in quali quartieri sono aumentati di più i contagi

  • Coronavirus: a Roma 23 casi e tra loro anche un bimbo di nove anni, sono 28 in totale nel Lazio. I dati Asl del 9 luglio

  • Coronavirus, a Roma 17 nuovi contagi. Positivo bimbo di un anno a Civitavecchia

  • Cornelia, rissa in pieno giorno paralizza quartiere: tre feriti. Danni anche ad un negozio

  • Coronavirus, a Roma e provincia sei bambini positivi in 10 giorni

  • Coronavirus: a Roma 14 nuovi casi, 19 in totale nel Lazio. I dati Asl del 6 luglio

Torna su
RomaToday è in caricamento