RomaNordToday

Ares 118, sopressa l'ambulanza di Prima Porta

Dopo S.Maria della Pietà e piazzale degli Eroi, ora un'altra ambulanza è stata soppressa per mancanza di personale: si tratta di quella a Prima Porta. Licia Pera: "Vogliono privatizzare questo settore"

A Roma, una problematica non nuova, torna a farsi sentire. Si tratta della riduzione delle ambulanze pubbliche e in particolar modo della carenza di risorse da parte dell'Ares 118, l'agenzia pubblica che gestisce nella capitale circa 80 ambulanze. L'Azienda in questione sfrutta le risorse umane, economiche e strutturali a disposizione, con l'obiettivo unico di assicurare una pronta risposta alla fase di allarme extraospedaliera alle emergenze sanitarie.

Attualmente però il servizio offerto si sta riducendo. È stata soppressa infatti l'ennesima postazione per carenza di personale. Dopo l'ambulanza a S. Maria della Pietà e una seconda a piazzale degli Eroi, ora è toccato al mezzo in servizio a Prima Porta. La motivazione addotta per questa riduzione è stata quella della carenza di personale.

Licia Pera del settore sanità di RdB/USB, non condivide la motivazione e attacca: "Siamo alle solite. Con l'alibi della carenza di personale, certamente aggravato dalle ferie estive, si prosegue nell'intento di privatizzare un importante e delicato settore dell'assistenza: il soccorso in emergenza. Con questa ennesima chiusura - prosegue - è seriamente a rischio il diritto di una fetta di cittadinanza ad essere soccorsa, in caso di necessità, nei tempi previsti dalla normativa che non è l'unica ma è la prima condizione per un intervento efficace".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'associazione a cui fa capo Licia Pera, ha scritto ha posto questa questione anche alla Presidente della Regione, al Prefetto e al Commissario di Sanità, per fare in modo che la problematica non venga posta nel dimenticatoio, riuscendo così a privatizzare un settore pubblico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento