RomaNordToday

I cinghiali la fanno da padrone: mentre Comune e Regione litigano Roma è #cinghialand

Continue incursioni a Roma Nord, a Spinaceto attacchi e un ferito

Cinghiali scatenati a Tomba di Nerone, in zona Cassia, dove quattro grossi esemplari sono stati sorpresi a rovistare tra i rifiuti abbandonati sul ciglio della strada: a pochi passi da auto e scooter in transito. 

Cinghiali padroni della Cassia

Indisturbati e per nulla intimoriti gli ungulati da tempo invadono il quartiere del Municipio XV con il giardino di Tomba di Nerone letteralmente preso d'assalto: divenuto la casa, in pieno centro urbano, di un intero branco

Ma non solo parchi e confini delle Riserve Naturali, sulla Cassia i cinghiali la fanno da padroni. Vagano senza alcun timore lungo le strade anche in pieno giorno: nel consorzio Case e Campi sono stati sorpresi mentre si aggiravano tra i tavolini di bar e gelaterie, a La Giustiniana quasi quotidiane le incursioni nei giardini privati o condominiali. 

Roma Nord è #cinghialand

Un'invasione senza argini, come nel caso della videodenuncia pubblicata dal deputato Pd, Filippo Sensi, su Twitter: "La soluzione adottata per salvaguardare #cinghiali e cittadini è geniale. Un cartello. E del nastro. Grazie Virginia Raggi da #cinghialand #romanord. Che fortunelli che siamo con il safari a #cinghialand noi di #Romanord. Senza nastro sai il pericolo?" - ironizza sul social l'esponente Dem. 

Secca la replica del M5s in uno scaricabarile di competenze che, sulla questione cinghiali, va avanti da tempo

"Il Pd ha perso i Sensi. Voglio ringraziare il deputato del Pd, Filippo Sensi per aver autodenunciato il suo stesso partito pubblicando un video in cui un gruppo di cinghiali mangia da alcuni sacchetti della spazzatura nei pressi di Tomba di Nerone. L'onorevole Sensi sa sicuramente che la competenza della fauna selvatica, e quindi dei cinghiali, è regionale. Come la prenderà mister Zingaretti? Sensi potrebbe suggerirgli di occuparsi del Piano Regionale dei rifiuti che la Capitale sta ancora aspettando, ma il governatore della Regione Lazio sembra troppo impegnato a fare comizi. Mi dispiace caro Sensi, Zingaretti è peggio di Renzi" - ha scritto su Facebook il vicecapogruppo del M5S in Campidoglio, Giuliano Pacetti. 

In Regione scontro aperto sui cinghiali

Uno scontro il cui eco è arrivato all'ombra de La Pisana. "Le aggressioni a persone da parte dei cinghiali a ridosso delle riserve naturali del Lazio rappresentano la degenerazione di un problema ormai noto che la Regione non ha mai voluto affrontare e prevenire attraverso una gestione della fauna selvatica tale da consentire una corretta convivenza uomo-animale” - denunciano i consiglieri regionali M5S del Lazio. 

“La Giunta Zingaretti avrebbe potuto affrontare la questione nell’ambito del Collegato al Bilancio, che sarà discusso in Aula lunedì prossimo, 10 settembre, e invece ha escluso del tutto dal provvedimento il tema della gestione e della prevenzione dei danni, limitandosi a inserire solo degli indennizzi per gli agricoltori che hanno visto i loro raccolti danneggiati” - ha aggiunto il consigliere regionale Valerio Novelli, presidente della Commissione Agricoltura e Ambiente, parlando di "uso sconsiderato e inefficace dei fondi europei da parte della Regione perché, di fatto, si continuano a erogare soldi pubblici senza di fatto risolvere il problema”. 

“Chiediamo pertanto alla giunta Zingaretti - ha concluso Novelli - di smetterla di andare avanti a suon di interventi tampone e di attuare finalmente la legge regionale 4/2015 sugli interventi di selecontrollo nelle aree critiche, cattura e monitoraggio della fauna selvatica”. 

Fauna selvatica, sulla gestione è rimpallo di competenze: i cinghiali festeggiano

Botta e risposta al quale non si è sottratto il consigliere del Pd, Eugenio Patané: “Prima di parlare e soprattutto di accusare la Giunta Zingaretti relativamente all’emergenza cinghiali i grillini dovrebbero informarsi meglio. Apprenderebbero, ad esempio, che è stata proprio una collega del M5S a presentare un Odg che chiedeva l’aumento dell’indennizzo per gli agricoltori, misura fortemente onerosa per le casse regionali e aspramente criticata dalle associazioni di categoria perché non risolutiva. Sollecito pertanto il M5S - ha concluso – a considerare gli emendamenti da noi presentati riguardanti il rafforzamento delle procedure di contenimento, come la cattura e l’abbattimento selettivo dei cinghiali e l’indennizzo come extrema ratio, anziché continuare a raccontare bugie e a fare propaganda di bassa lega”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un ferito a Spinaceto

Sui cinghiali è dunque scontro aperto. E mentre la politica cerca soluzioni, comunque tardive, nella Capitale, da nord a sud, segnalazioni e attacchi sono continui: a Spinaceto proprio pochi giorni fa c'è stato anche un ferito.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento