RomaNordToday

Rifugiati a Casale San Nicola: "Non ci vogliamo andare, abbiamo paura"

I migranti sono a Roma da un anno, vengono trasferiti dal Cara di via Visso. Venti sono arrivati ieri, scatenando la guerriglia tra Casapound, residenti e agenti di Polizia

Vengono da un Cara di via Visso i 20 richiedenti asilo che sono arrivati ieri, a fatica, a Casale San Nicola. Barricati in un pullman preso d'assolto a suon di bottigliate e insulti, hanno assistito dai finestrini alle scene di guerriglia urbana tra residenti, Casapound e agenti di Polizia. Altri 60 sono pronti al trasferimento che avverrà a breve. Su di loro, lontano dai riflettori puntati su scontri e polemiche, neanche una parola. 

"La comunicazione del trasferimento è avvenuta con sole 48 ore di anticipo, in un edificio a decine di chilometri da dove hanno iniziato, tra mille difficoltà, a crearsi un’esistenza minimamente dignitosa". A raccontare la storia delle decine di migranti che aspettano da mesi lo status di rifugiati politico, gli operatori del Nodo Territoriale Tiburtino. Africani del Gambia, del Senegal, del Mali. Non sono gli ultimi arrivati, stanno a Roma da quasi un anno, nell'attesa logorante che i giudici rilascino loro i permessi richiesti. 

"A settembre 2014 sono sbarcati in Sicilia. Dopo pochi giorni di permanenza nei centri locali vengono trasferiti a Roma in una struttura a via Visso, sulla Tiburtina, dove sarebbero dovuti rimanere temporaneamente fino al colloquio con la Commissione giudicante lo status di rifugiato". Il condizionale è d'obbligo perché, complice il caos di Mafia Capitale, e annessa riorganizzazione della rete di cooperative che gestisce l'accoglienza in città, i migranti sono destinati a Roma nord, "spostati come pacchi postali senza minimamente essere interpellati". 

"Non vogliono rinunciare ai percorsi di integrazione già avviati - raccontano gli operatori - nei lunghi mesi durante i quali i ragazzi hanno iniziato a vivere attivamente il territorio si sono sforzati di inserirsi, chi lavorando, chi iscrivendosi a scuola, chi frequentando gli spazi sociali del quartiere attraverso corsi di italiano e altre attività. Lentamente iniziano a fare comunità, a integrarsi tra loro e con l’esterno, a uscire sempre più dal ghetto che viene costruito intorno alla figura del migrante".

Non vogliono finire dall'altra parte della città. Specie dopo aver visto coi propri occhi le violenze e la rabbia scatenata dal loro arrivo. Hanno paura. Di seguito pubblichiamo la lettera aperta che hanno sottoscritto. 

Spettabili signori e signore,

é un grande piacere e onore per noi scrivervi cosa ci affligge.

Crediamo che ci possiate sinceramente aiutare a raggiungere Pace e Giustizia.

Innanzitutto, noi siamo qua per cercare asilo internazionale: questo è quanto ci è stato promesso.

Nel posto in cui ci vogliono portare, invece, c' è stata una manifestazione contro i migrant in questi giorni. C' è seriamente il rischio che lì qualcuno ci possa ferire gravemente o addirittura uccidere.

Non possiamo e non vogliamo andare in un posto in cui la nostra vita è messa in pericolo.
Ognuno di noi ha seri problemi nel proprio paese di origine: alcuni sono stati imprigionati, altri minacciati di morte.

Inoltre, ci era stato detto che prima avremmo avuto la nostra commissione (il colloquio per ottenere l' asilo) e dopo ci avrebbero trasferito. Invece non abbiamo ancora avuto la commissione e ora loro vogliono spostarci in un altro posto.

Noi non ci trasferiremo senza aver avuto la commissione.

Chiediamo a tutta la comunità di aiutarci a risolvere questo problema.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I ragazzi del Centro di via Visso
                                                                                              
                                   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Centro commerciale Maximo, c'è la data di apertura. Primark e non solo: ecco le news sui negozi presenti

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento