RomaNordToday

Casale San Nicola, tensioni per l'arrivo dei rifugiati: polizia carica il blocco di residenti

Violenti scontri davanti all'ex scuola Socrate. Dopo ore di trattativa con le forze dell'ordine è scattata la guerriglia. In strada anche gli attivisti di Casapound

Foto da pagina Fb Casapound

La polizia ha tentato lo sgombero del presidio di residenti, in protesta da questa mattina contro l'arrivo dei rifugiati. Violenti gli scontri con le forze dell'ordine che hanno forzato il blocco. Sono volati manganelli e sedie, con scene da guerriglia urbana in un clima di tensione altissima.

Siamo a Casale San Nicola, i cento rifugiati che verranno ospitati nell'ex scuola Socrate sono arrivati. Ad accoglierli dalle prime ore della giornata un cordone di cittadini infuriati del comitato dei contrari, supportati dagli attivisti di Casapound, e forze dell'ordine, vigili del fuoco, vigili urbani, poliziotti, che hanno tentato di calmare gli animi durante un'accesa trattativa. Poi gli scontri. "Il Prefetto ha fatto caricare anche donne e anziani che stanno qui a difendere i loro quartieri e le loro case. E' una vergogna" tuona Davide Di Stefano, leader del movimento di estrema destra. 

IL VIDEO DELLE TENSIONI

Le operazioni di trasferimento dei profughi, come spiegato dalla Questura di Roma, "sono da subito risultate difficoltose, per l’ingerenza di elementi estremisti che hanno tentato di dissuadere gli ospiti. In occasione dell’arrivo presso la struttura il convoglio, scortato dalle forze dell’ordine, è stato bloccato da appartenenti al Comitato di quartiere, spalleggiato anche da elementi esterni.

La Polizia, dopo aver tentato invano ogni possibile via di dialogo, sta intervenendo per la rimozione delle numerose auto parcheggiate nella sede stradale, valutando anche a carico dei proprietari la sussistenza di responsabilità penali e amministrative. L’iniziativa, infatti, sta creando notevoli disagi anche ai residenti della zona".

In protesta il comitato Casale San Nicola, da mesi in presidio fisso davanti alla struttura, pronto a fermare l'ingresso dei profughi, supportato dagli attivisti di Casapound che tramite nota stampa ricostruiscono l'accaduto: "Nello spiazzo davanti alla struttura che dovrebbe ospitare i rifugiati, dove i cittadini sono in presidio permanente da quasi tre mesi, sono arrivati i blindati delle forze dell'ordine.

Le 250 famiglie del piccolo comprensorio tra la via Braccianese e la Storta, al confine tra XIV e XV Municipio, ritengono non solo l'edificio e la zona - molto isolata - inadeguate all'accoglienza, ma temono che l'arrivo di cento migranti su una popolazione di poco più 400 persone, finisca col diventare una vera e propria invasione, ingestibile dal punto di vista della sicurezza. 

Per questo sono determinati a non smettere di lottare neanche adesso, quando di fronte a loro vedono schierate con grande imponenza di mezzi le forze dell'ordine".  

Lievi tensioni si sono registrate già nelle ore precedenti gli scontri, quando un'auto che usciva dal comprensorio ha sfondato il blocco del presidio, urtando un'anziana rimasta ferita a un ginocchio. Il mezzo è stato subito fermato dalla polizia che ha effettuato le procedure di rito.

Nei giorni scorsi il comitato aveva annunciato battaglia. Alla notizia dell'arrivo dei rifugiati stabilito dal Prefetto allertavano: "Siamo pronti a incatenarci". Una lotta quella contro il centro per rifugiati da allestire nell'ex scuola Socrate che continua imperterrita da mesi. Un braccio di ferro sulla destinazione di quei locali che ha spaccato territorio. Da una parte chi si è detto disponibile ad accogliere i nuovi ospiti (Comitato per l'Accoglienza), dall'altra chi si è opposto "all'invasione" (Comitato Spontaneo di San Nicola) dal primo minuto, allestendo un presidio fisso presso la struttura.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torvaianica, sparatoria tra i bagnanti sulla spiaggia: ferito un uomo

  • Referendum, come si vota? Cosa succede se vince il sì, cosa succede se vince il no

  • Gioca due euro e ne vince 500mila per comprare una casa

  • Coronavirus, a Roma 141 casi: è il dato più alto da inizio pandemia. Nel Lazio 238 contagi. Il bollettino del 22 settembre

  • Coronavirus, a Roma città 131 nuovi casi. 181 in tutto il Lazio

  • Coronavirus, a Roma città 108 nuovi casi da Covid19. Focolaio in una RSA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RomaToday è in caricamento